cultura

termine CULTURA

Cenni Storici

selezione: 
Pagina normale

La posizione ai piedi della gola della Biaschina e all’inizio della pianura alluvionale della valle del Ticino, che ha determinato per secoli le attività legate al transito lungo la strada del San Gottardo, ha reso Giornico un importante centro politico e religioso della Bassa Leventina.

Bibliografia

selezione: 
Pagina normale

Mittelalter - Moyen Age - Medioevo - Temp medieval
Rivista dell'Associazione Svizzera dei Castelli (8. Jahregang 2003/1)
ISSN 1420-6994

Affreschi del '300 - '400 in Leventina
Museo di Leventina, Giornico (edizione 1995)

Conosci Giornico
a cura di Diego Peduzzi, Giornico (edizione 1982)

Giornico 1478-1978
Fondazione per la commemorazione del 500.mo della battaglia di Giornico (edizione 1979

Monumento della Battaglia

selezione: 
Pagina normale

Opera dello scultore Apollonio Pessina di Ligornetto, inaugurato il 1 agosto 1937, a ricordo della battaglia dei Sassi Grossi combattuta il 28 dicembre 1478 tra i Leventinesi, cui spettò il peso maggiore dello scontro e i Confederati (Uri, Svitto, Lucerna e Zurigo) contro le truppe Milanesi.

Dopo molte peripezie che ne tardarono l’esecuzione, il progetto premiato, fra i trentacinque partecipanti al pubblico concorso (7 gennaio 1929) potè essere eseguito.

Torre d'Attone

selezione: 
Pagina normale

Sicuramente antecedente al Mille, mentre la prima notizia certa è contenuta in una pergamena del 18 ottobre 1311.

Il suo nome è legato a quello del nobile prelato Atto o Attone da Giornico, divenuto vescovo di Vercelli, la cui famiglia discendeva dall’ultimo re dei Longobardi ed era feudataria delle Tre Valli.Secondo la tradizione il vescovo Atto, a metà del 900, lasciò per testamento le Tre Valli Ambrosiane al Capitolo del Duomo di Milano.

Castellaccio (Caslasc)

selezione: 
Pagina normale

Le rovine misteriose di questa fortezza, a base triangolare, si trovano 250 metri sopra il villaggio, sul fianco destro della valle.Sono visibili imponenti muraglioni a secco, alti fino a 8 metri, composti di gigantesche lastre di granito.

Collina di Castello

selezione: 
Pagina normale

Il castello medievale, sorto sul colle di Santa Maria sui resti di una precedente costruzione (forse tardo romana) venne eretto tra il 1160 e il 1176 da Bernardo da Giornico, nobile di discendenza longobarda, avogadro dell’imperatore per la Leventina.

I Ponti a schiena d'asino e l'isola

selezione: 
Pagina normale

Documentati già nel 1300.

Santa Maria di Loreto

selezione: 
Pagina normale

Costruzione del 1682 voluta da Pietro Pedrini, originario di Chironico, nato a Giornico ed emigrato a Venezia a esercitare la professione di barbiere. Arricchitosi sia con vincite al gioco sia acquistando bastimenti creduti perduti che regolarmente rientravano in porto, decise di destinare la sua ricchezza a opere di beneficenza. Tra queste anche la chiesetta dedicata alla Madonna di Loreto, testimonianza di un culto ormai diffusosi in tutta Europa.

San Carlo

selezione: 
Pagina normale

Edificata per voto dal popolo di Giornico in ricordo della peste del 1630, quando Federico Borromeo era Arcivescovo di Milano.

San Giorgio

selezione: 
Pagina normale

(Santa Maria Maddalena)

Oratorio barocco, a tetto piatto, eretto nel 1678 nella frazione di Altirolo, sorto per un sentimento di riconoscenza per lo scampato pericolo derivante dalla peste del 1630 che a Giornico aveva provocato molte morti.Per questo si è mantenuto il culto di San Giorgio, invocato quale protettore.

Sulla volta del coro e alle pareti rustici dipinti rappresentanti scene della vita dei santi.

Condividi contenuti